La paura più profonda

Testo scritto da Sara Allegri di 4E Paura, terrore, angoscia e dolore sono costantemente nella mia vita; gioia, tranquillità, serenità e soprattutto amore non so nemmeno cosa siano, anzi, non credo ci siano mai stati nella mia vita. Fin da quando ero piccola la mia vita è stata piena di menzogne, schiaffi, ferite e milioni…

INVERNALE

TESTO DI GAIA FRANCHI Le vacanze invernali erano appena iniziate quando io e i miei amici decidemmo di andare a pattinare al lago, che era ormai ghiacciato completamente da giorni. Come immaginavo, gli altri avevano deciso di invitare anche alcune ragazze e tra loro c’era anche Dahlia, la mia Dahlia. Presi i pattini un tempo…

L’altro e l’altrove. Ripenso spesso a quella notte…

(L’altro e l’altrove, testo narrativo di Gaia Franchi)   Ripenso spesso a quella notte. Avevo passato mesi preparandomi a ciò che sarebbe accaduto il giorno dopo e mi ero ripromesso di dormire bene quella notte, così da essere fresco e riposato. La mia insonnia, però, aveva avuto la meglio alla fine e, complice l’agitazione, nemmeno…

L’altro e l’altrove. Oggi voglio raccontare la mia storia…

(L’altro e l’altrove, testo narrativo di Jan Imperatori, 4D)   “Oggi voglio raccontare la mia storia. Il mio nome è Samir, sono un uomo di ottantacinque anni, di origini turche. Quando ero più giovane, ero un controllore di treni ed ero il responsabile del vagone passeggeri del treno che portava dalla Siria alla Turchia.” Anche…

L’altro e l’altrove. Lei è Jamira…

(L’altro e l’altrove, testo narrativo di Melissa Morandi, 4C)   Lei è Jamira, una donna vedova siriana di trentanove anni. Ha abbandonato il suo paese distrutto dalla guerra e le poche persone ancora vive della sua famiglia per poter raggiungere la Grecia, un luogo che, da come si racconta, è pieno di vita e di…

L’altro e l’altrove. Sono distrutta…

(L’altro e l’altrove, testo narrativo di Saoni Avanti Morillo, 4B)   Sono distrutta. Il viaggio è un incubo, il mio incubo. È da giorni ormai che non chiudo occhio, passo le notti sdraiata sull’asfalto gelido. Il viaggio è il sogno di ogni siriano, il sogno di mio nonno: tutti partono con la speranza di arrivare…

L’altro e l’altrove. Il mare era di un violaceo minaccioso…

(L’altro e l’altrove, testo narativo di Martino Conedera, 4A)   Il mare era di un violaceo minaccioso e il cielo era colmo di nuvole che a tratti riversavano violenti acquazzoni sulla vastissima e quasi interminabile distesa d’acqua. Le enormi onde spinte dalla poderosa forza del vento si infrangevano sul nostro gommone, senza nessuna pietà. L’imbarcazione…